Olio del Parco.

Il packaging design per il prodotto di un’iniziativa sviluppata da Chico Mendes Altromercato e Legaambiente, impegnati nel recupero di un antico uliveto e del relativo frantoio situati nel parco naturale della Maremma. 200 ettari e 300 mila piante, un patrimonio straordinario in una delle zone naturali più belle d’Italia. Un progetto di VALORE.

Olio del Parco

La proprietà si estende per circa 200 ettari tra Rispescia e Alberese (GR) all’interno del meraviglioso contesto del Parco naturale della Maremma. Di questo antico uliveto 150 ettari sono certificati Bio e Igp: si tratta di circa 30 mila piante secolari rimaste abbandonate per anni, che grazie a questo progetto tornano a essere produttive. Dal 2016 grazie ai contributi ricevuti e alla vendita dell’olio sono state recuperate circa 10 mila piante (da cui sono stati prodotti 5 mila litri di olio, per un totale di oltre 3 mila bottiglie) ed è stato possibile ristrutturare e riaprire il frantoio del Parco. Per i primi due anni del progetto, le olive (dei cultivar frantoio, leccino, pendolino e moraiolo) sono state lavorate nel frantoio dei Poderi Borselli (ex La Poderina Toscana), a Montegiovi (GR), un’azienda biologica funzionante a energia rinnovabile che utilizza macchinari tecnologicamente avanzati tra i più all’avanguardia in Europa per l’estrazione a freddo di olio Evo e Bio. Dal raccolto del 2018 le olive vengono lavorate anche nel frantoio del Parco, oltre che in quello dei Poderi Borselli.

Olio del Parco

Nelle varie fasi produttive, durante tutto l’anno, vengono impiegate persone con diverse fragilità alle quali viene offerta un’occasione di guadagno e formazione: verso un modello che garantisca un efficace inserimento lavorativo, si colloca l’ingresso nel progetto del gruppo cooperativo Co&So e della cooperativa sociale Spazio Aperto Servizi, entrambi Soci della cooperativa Frantoio del Parco.

Inoltre, nel 2018 la cooperativa Frantoio del Parco è diventata Socia del consorzio ColtiBio (appartenente al gruppo cooperativo Co&SO) che raggruppa cooperative del territorio e sviluppa progetti innovativi di agricoltura sociale.

  • Brand identity
  • Packaging design
  • Naming

Articoli correlati

Don’t Recycle, Refill.

L’acqua è un bene primario fondamentale per la vita. Un bene divenuto rappresentativo di uno stile di vita sano. È un bene prezioso da proteggere e tutelare. È vita e il suo consumo deve essere sostenibile. DON’T RECYCLE, REFILL è la campagna di lancio, un messaggio forte, provocatorio che raggiunge contemporaneamente diversi target. Riciclare è […]

the green lab.

Il contributo del design alla sostenibilità: questo il tema del seminario tenuto da Stefano Pistoni negli uffici RBA di Viale Premuda. Slogan e credenziali green creano spesso confusione nei consumatori. I brand corrono il rischio di green washing. Ma alcune scelte di branding design risultano più credibili di altre nel percepito del cliente finale. Oggi […]

Cosa significa LOL.

Nella top 5 dei significati più ricercati in google, tra sessista e filantropo, c’è LOL. Cosa ci dice questo dato statistico su come l’innovazione del linguaggio diventa cultura pop. Statisticamente chi fa parte della generazione che sa chi è Kim Kardashian sa anche cosa vuol dire LOL. Dal 2011 la “parola” LOL – acronimo di […]

Inizia a scrivere il termine ricerca qua sopra e premi invio per iniziare la ricerca. Premi ESC per annullare.

Back To Top